CENTRO INFORTUNISTICO STRADALE

I toscani alla guida: comportamenti e rischi di incidente stradale

Risultati immagini per guida col cellulare

 

Nel guidare i cittadini della Toscana sono attenti alla sicurezza dei bambini, attivi nel controllare lo stato dell'auto, prudenti quando viaggiano in condizioni climatiche avverse. Non sono però abbastanza consapevoli di quanto sia importante al volante concentrarsi sulla guida, senza distrarsi, come accade usando il cellulare, fumando, cambiando stazione radio, impostando il navigatore.

Guida distratta e uso del cellulare. Il 57,5% dei conducenti dichiara di non usare mai il cellulare alla guida. Del restante 42,5% di coloro che lo usano, il 69% dichiara di farlo con viva voce, auricolari o bluetooth, mentre il 32% usa questi strumenti solo qualche volta o raramente. Questi risultati, probabilmente affetti da una certa sovrastima, mostrano che gli intervistati hanno ben chiaro quale sia il comportamento corretto e socialmente desiderabile. Tuttavia i dati Istat mostrano che la distrazione rappresenta una delle principali cause di incidenti stradale. Ed i conducenti si distraggono ogni qualvolta stando al volante usano il cellulare, fumano, cambiano stazione radio, impostano il navigatore.

Consocenza del reato penale di omicidio stradale. Secondo l'indagine il reato penale di omicidio stradale e il reato di lesioni personali stradali, introdotti dalla legge n. 41/2016 non sono abbastanza conosciuti: il 62,5% dei conducenti di veicoli a motore ne ha solo sentito parlare, il 10,8% non sa rispondere e solo il 26,7% dichiara di conoscerne gli aspetti e le sanzioni previsti dalla legge. Inoltre il 28,1% dei conducenti pensa che la detenzione in carcere sia prevista solo per chi ha causato un incidente mortale avendo assunto alcolici o stupefacenti e non, come invece è, anche per chiunque abbia commesso una grave violazione del Codice della strada che ha determinato un incidente mortale.

 

Fonte: www.regione.toscana.it

NOTA! Questo sito utilizza i cookie e tecnologie simili.

Se non si modificano le impostazioni del browser, l'utente accetta.

Approvo